3-2 Luxor, Assuan, Abu-Simbel e ritorno a Luxor

Durata

3 giorni

Numero massimo di persone

8

Recuperato da

Un'auto/minibus privato

AbuSimbel terug naar Luxor

Verrai prelevato dal tuo hotel alle 6 del mattino e poi andremo direttamente ad Assuan.

Farai una fantastica escursione di 3 giorni nel sud dell’Egitto, visiterai templi, tombe e gli splendidi giardini botanici e gusterai il delizioso cibo nubiano.

Il primo giorno andremo direttamente ad Assuan e visiteremo il tempio della dea Iside situato sull’isola di Philae.

Questo tempio si trova sulla famosa isola sacra della dea Iside, la dea più importante dell’antico Egitto.

Su quest’isola abbiamo il mito della resurrezione di Osiride e il mito della creazione del mondo.

Qui si svolge anche la più bella storia d’amore dell’umanità, il grande amore tra Osiride e Iside e il loro amore reciproco fino alla morte.

Iside aveva quattro ruoli diversi: era la sorella divina, la casalinga divina, l’infermiera divina e la madre divina. AbuSimbel torna a Luxor

A Philae ci sono due cose importanti, l’isola dell’amore e della resurrezione.

Il nome Philae è greco e significa ‘l’amato e che era diventato l’amato’.

Questo tempio è stato spostato, 22.000 tonnellate di pietre sono state spostate qui tra le due dighe,

questo tempio già aveva problemi dopo la costruzione della vecchia diga. Il tempio è rimasto semisommerso per 67 anni.

Solo dopo il completamento della nuova diga nel 1970 è stato possibile controllare e accedere all’acqua

dall’altra parte della diga iniziamo a salvare questo tempio. AbuSimbel torna a Luxor

Per tutto il tempo parte della diga iniziamo a salvare questo tempio. AbuSimbel torna a Luxor

poi l’acqua veniva pompata con 10 enormi pompe. C’erano 2 squadre coinvolte in questa operazione,

La prima squadra ha demolito il tempio e ha numerato ogni blocco, mentre la seconda squadra ha dovuto preparare l’isola di Agilkia per ricostruire qui il tempio.

Ora è sulla sua nuova isola con lo stesso orientamento. L’intero progetto è costato 6 milioni di dollari.

L’isola originale è ora completamente sott’acqua e l’unica cosa rimasta da vedere sono i resti del metallo

diga che fu costruita attorno al tempio. Il tempio è un tempio greco-romano.

la costruzione fu iniziata da Tolomeo III e terminata da Tolomeo XII. AbuSimbel tornò a Luxor

il pilone è più piccolo di altri templi.

Questo perché è il tempio dell’amore, quindi non avevano bisogno di un alto pilone.Il tempio di Iside fu chiuso solo nel VI secolo d.C.

sotto l’autorità dell’imperatore Justanes.

Questo era l’ultimo simbolo della fede dell’era antico faraonica.

Quando i sacerdoti capirono che il loro tempio sarebbe stato trasformato in una chiesa cristiana, dissero:

“Puoi chiudere i templi sulla terra, ma devi sapere che gli dei in cielo vivono sempre lì

e non può essere fermato da nessuno. AbuSimbel torna a Luxor
Ci sono due leoni all’ingresso del tempio, purtroppo i volti sono stati danneggiati dai cristiani.

I leoni dovevano proteggere il tempio.

Sul lato occidentale dell’isola si trova un tempio costruito dall’imperatore Claudio per onorare il dio.

Ma questo tempio è caduto in grave rovina. Il Tempio di Hathor fu costruito da Tolomeo

VI Filimetore e Tolomeo VIII ed Euergets II. Più a sud si trova l’ultimo monumento importante

sull’isola a cui è stato dato il nome di ‘Chiosco di Traiano’. Nei tempi antichi questo era l’ingresso ufficiale al tempio.

Sarete accompagnati dai dipendenti di Egypte4allreizen (guide parlanti olandese, italiano o inglese) per tutta la giornata dell’escursione.AbuSimbel ritorno a Luxor

Il prezzo dell’escursione è:

  • 1 persona 720€
  • 2 persone € 670 p.p
  • 3/8 persone €570 p.p

Tutti i prezzi sono soggetti a variazioni.

Biglietti per i monumenti per bambini

– Bambini da 0 a 6 anni gratis.

– I bambini da 6 a 12 anni pagano il 50%.

egypte4allreizen non è responsabile di furti o incidenti. Ma saremo al vostro fianco per risolvere il problema.

Per la prenotazione delle escursioni è richiesto un deposito del 50%.

Copyright 2024 © egypte4allreizen.com

Nulla di queste escursioni può essere utilizzato da terzi. A meno che non si chieda l’autorizzazione a egypte4allreizen.com.

Incluso/Escluso

  • Trasporto da Luxor ad Assuan e ritorno a Luxor
  • Biglietti
  • 3x Pranzo (caffè, tè, bibite e altre bevande non incluse)
  • Hotel per 2 notti ad Assuan.
  • 2x cene
  • Per il viaggio, sono previste una bottiglia d'acqua e una lattina di cola a persona.
  • Mance per l'autista e la guida
  • Spese proprie
  • Snack e bevande per il bus al ritorno

Programma del Tour

L'alta diga di Assuan

Assuan ha 2 dighe, la diga alta e la vecchia diga o la diga britannica. La vecchia diga fu costruita nel 1902 e la diga alta nel 1960

Lo scopo di entrambi i progetti era quello di regolare le inondazioni e di immagazzinare acqua per l'agricoltura e soprattutto per la produzione di elettricità. Prima che venissero costruite le dighe, il fiume straripava ogni anno durante l’estate. La grande quantità d'acqua scesa durante l'estate ha fatto sì che l'acqua del Nilo in Egitto si alzasse molto. Portava molte cose buone, come nutrienti naturali e minerali che arricchivano il terreno fertile che si trovava lungo il fiume.

Con la crescita della popolazione, le condizioni cambiarono e divenne necessario controllare le inondazioni, fornendo protezione e sostegno all’agricoltura e ai campi di cotone economicamente importanti. Perché se l’alluvione è troppo forte, interi raccolti verranno spazzati via, mentre se rimane troppo bassa non ci sarà abbastanza acqua e ci sarà la carestia. Tutto può essere opportunamente sistemato con l'invaso formato dalla costruzione delle dighe.

La diga britannica di Assuan, la vecchia diga, fu costruita nel 1902 quando l'Egitto era una colonia britannica. È costruito in arenaria e granito. Ed è costruito 2 volte più in alto. Ora ha una lunghezza di 2,14 km e un'altezza di 42 metri ed è larga 30 metri alla base e 7 metri alla sommità.

La diga è dotata di 180 paratoie per il passaggio dell'acqua e di una centrale idroelettrica per l'industria. E questa diga ha anche una piccola chiusa con 4 porte sul lato ovest in modo che possano passare le navi fino a una certa dimensione. Ma questa diga si è rivelata non sufficiente a tenere realmente sotto controllo l’acqua.

Ed era necessario prevedere anche una migliore fornitura di energia elettrica. Bisognava fare qualcosa anche per quanto riguarda la quantità d'acqua e quindi anche per l'agricoltura, perché la popolazione continua a crescere rapidamente.

L'Egitto fu una colonia britannica fino al 1952, quando ottenne l'indipendenza e divenne una repubblica.

Da allora abbiamo avuto diversi presidenti e presidenti ad interim. Il primo presidente fu Mohamed Naguib che rimase al potere per meno di due anni, dopo di lui ci furono le elezioni e arrivò il presidente Nasser. Fu il vero leader della rivoluzione che portò all'indipendenza dell'Egitto.

Uno dei più grandi progetti sostenuti da Nasser era quello di far ripartire l'economia del paese il più rapidamente possibile e il progetto della nuova diga alta ad Assuan.

L'acqua che arriva attraverso le nuove turbine garantirebbe che ci sia abbastanza elettricità in tutto il paese e anche l'acqua per l'agricoltura sarebbe sufficiente tutto l'anno.

Nel complesso è stato un grande progetto, ma ha anche avuto un prezzo elevato. Nasser ha avviato un'attività di champagne per ottenere denaro, per questo ha visitato diversi paesi per prendere in prestito denaro per la costruzione della diga. Il presidente ha iniziato il suo tour in un periodo in cui l'economia era in ripresa e ha iniziato con l'America e l'ex Unione Sovietica. L'America disse di no perché Nasser comprò armi per l'esercito egiziano in Unione Sovietica. Anche l’Unione Sovietica disse no perché non aveva la somma necessaria. Quindi Nasser tornò a mani vuote e dovette trovare un'alternativa per ottenere i soldi. Il piano alternativo era il Canale di Suez. Il canale è lungo 193 km e collega il Mar Mediterraneo con il Mar Rosso per poi aprire la via verso l'estremo oriente.

I francesi avevano costruito il canale e avevano un contratto secondo il quale avrebbero ottenuto 2/3 delle entrate dalle entrate del canale e l'Egitto 1/3 e questo per 99 anni. Successivamente l’intero ricavato sarebbe andato in Egitto.

Il Canale di Suez fu aperto nel 1869 e 3 anni dopo l'Egitto contrasse grandi debiti con gli inglesi e decise di cedere 1/3 della sua quota agli inglesi per 99 anni.

Poiché le entrate aumentavano e raggiungevano i 3 milioni di dollari all'anno, Nasser pensò che se fosse riuscito a nazionalizzare il Canale di Suez, avrebbe potuto utilizzare i proventi per il suo progetto ad Assuan. Lo fece nel 1956 e portò l’Egitto in guerra nello stesso anno.

Dietro l’Egitto c’era l’Unione Sovietica. L'ONU prese la decisione e ordinò a Inghilterra, Francia e Israele di abbandonare il Canale di Suez e di lasciarlo agli egiziani. E così i proventi del canale potrebbero essere utilizzati per costruire la nuova diga di Assuan.

I lavori iniziarono nel 1960 e durarono 11 anni e la diga fu inaugurata nel 1971.

Le cave di granito di Assuan

Come puoi vedere a Karnak e al Tempio di Luxor, gli obelischi erano collocati all'interno del tempio o davanti al tempio.

Servivano come antenna per portare l'energia cosmica sulla Terra. Poiché la religione occupava un posto enorme nella vita degli egiziani, gli oggetti religiosi come un obelisco erano estremamente importanti.

Non importava quanto lavoro fosse stato necessario per l'intaglio, gli enormi trasporti e l'erezione di un obelisco.

Uno dei progetti più grandi e ambiziosi per un enorme obelisco durante il regno della regina Hatshepsut era questo obelisco che si trova ancora qui nella cava di Assuan.

Questo obelisco era destinato al tempio di Karnak.

Purtroppo non si è mai spostata dalla sua posizione a causa di un'enorme crepa nella pietra.

È conosciuto come l'obelisco incompiuto di Assuan. Dovrebbe essere l'obelisco più grande con una dimensione di 41,75 metri.

Una volta completato avrebbe pesato 1.168 tonnellate. Quindi pensa alla tecnologia disponibile in quel momento.

Il trasporto avverrebbe in barca attraverso il Nilo da Assuan al tempio di Karnak, che dista 177 km in linea diretta.

Se consideriamo il tempo impiegato per mantenere in piedi un obelisco di un'altezza normale di circa 30 metri, parliamo di mesi per la produzione, la spedizione e l'erezione nel tempio.

Come lavoravano in cava per ricavare un obelisco dal duro granito.

È stata praticata una fila di fori di circa 10 cm di dimensione, quindi nei fori è stato introdotto del legno e bagnato con acqua.

Il legno poi si espanse e la roccia si staccò. La forma dell'obelisco è stata creata da file di operai che hanno creato un corridoio attorno all'obelisco con pietre dolomitiche. Ciò è possibile perché la dolomite è più dura del granito.

Per levigare i bordi, le pietre venivano riscaldate e posizionate sulla pietra dell'obelisco nei punti in cui i pezzi dovevano essere tagliati via.

Quando la pietra dell'obelisco divenne calda, vi fu gettata sopra dell'acqua fredda e i pezzi irregolari si staccarono in schegge, grazie alla cristallinità del granito.

Il motivo per cui questo obelisco non fu mai terminato è perché una crepa fatale nella pietra era troppo profonda e non si poteva farci nulla.

Così l'obelisco venne abbandonato e lì rimase per sempre. Oggi siamo felici che sia apparsa la crepa perché ora sappiamo esattamente come funzionava la realizzazione di un obelisco.

Giorno 2 Abu Simbel, giardino botanico e villaggio nubiano

ABU SIMBEL IL TEMPIO DEL SOLE DI RAMSES II

Verrete prelevati dal vostro hotel alle 5 del mattino per l'escursione ad Abu-Simbel. Vi verrà consegnata una scatola per la colazione per il viaggio.

I templi di Abu Simbel furono scoperti dal viaggiatore svizzero Burkhart nel 1813, ma purtroppo non poté entrare nel tempio perché la facciata e l'ingresso erano completamente bloccati dalla sabbia. Nel 1817, Belzoni riuscì a scavare l'interno del tempio per entrarvi.

I templi di Abu-Simbel si trovano a circa 285 km a sud di Assuan. I templi sono uno dei più importanti complessi templari dell'antico Egitto.

Dopo la costruzione dell'Alta Diga nel 1960 e la formazione del Lago Nasser, molti templi nubiani incontrarono problemi a causa dell'innalzamento dell'acqua che danneggiò i templi.

Poi l'UNESCO ha deciso di salvare questi monumenti come parte del patrimonio culturale mondiale, per evitare che venissero sommersi dalla formazione del Lago Nasser, e si è deciso di spostare i templi in una zona più alta.

Il recupero dei monumenti iniziò nel 1961 e il Tempio di Abu-Simbel fu il progetto più grande e difficile, perché il tempio era costruito su una solida roccia e doveva essere completamente rimosso.

L'intenzione era quella di tagliare i templi in blocchi e poi ricostruirli su un sito più alto, 80 metri più in alto e 150 metri verso l'interno.

Fu costruito un corridoio di lastre di metallo attraverso la sabbia, così le persone che dovevano lavorare all'interno del tempio potevano entrare e uscire più facilmente. Le pietre e i blocchi venivano poi ricoperti da uno strato di sabbia per proteggerli dalle vibrazioni delle macchine.
Le statue sono state separate utilizzando seghe motorizzate, mentre nei casi più difficili è stata utilizzata la sega a mano.

Alla fine, i pezzi di pietra erano 1042 e ognuno aveva un peso di oltre 20 tonnellate. La ricostruzione dei templi è iniziata nel 1966. Dovevano essere collocati nella stessa posizione e distanza della vecchia posizione. Il costo di questo enorme spostamento è stato di 40 milioni di dollari. Pagato dall'UNESCO e dall'Egitto.

Nella facciata del tempio, il re si fece raffigurare quattro volte per rendere evidente il suo potere e la sua posizione.

Ramses II guidò molte spedizioni nel Levante come Israele, Libano e Siria, guidò anche spedizioni a sud nella Nubia

La prima parte del suo regno si concentrò sulla costruzione di città, templi e monumenti.

Condusse anche molte guerre contro i nemici dell'Egitto, una delle quali fu la grande battaglia di Kadesh contro gli Ittiti. Questa battaglia è raffigurata in molti dei suoi templi.

La costruzione del Tempio di Abu-Simbel durò circa 20 anni e fu completata nell'anno 1224 del suo regno.
Il tempio è dedicato ad Amun-Re, Re-Horachty, Ramesse II e Ptah.
La pietra commemorativa sul lato del tempio ricorda il matrimonio del re con la figlia del re Hattusili II, che suggellò la pace tra l'Egitto e gli Ittiti.

Il pilone ha una facciata alta 27,50 metri. Quattro grandi statue raffigurano il re in posizione seduta e sono alte circa 21 metri; sopra le statue c'è un fregio con 22 babbuini che accolgono il sole nascente ogni mattina.

Le quattro statue mostrano il re che indossa le corone dell'Alto e del Basso Egitto

Oltre al sacro Cobra, porta anche la barba posticcia simbolo di autorità e le mani appoggiate sulle ginocchia.

Ognuna delle statue ha il proprio titolo scritto sulla spalla della statua del re e tra di esse ci sono piccole statue per sua madre, sua moglie Nefertarie, i suoi figli e le sue figlie.

Sopra l'ingresso del tempio, i titoli e i nomi del re sono scritti in geroglifici.

Poi dietro la facciata abbiamo l'intero tempio con una profondità di 48 metri.

Entrando nella sala principale, vediamo otto enormi colonne con statue alte 10 metri del re come Osiride. Le mura registrano tutte le vittorie del re sui suoi nemici. E sulla parete nord la battaglia di Kadesh.

La seconda sala ha 4 colonne e mostra il re in diverse posizioni con diverse divinità in diversi rituali e scene.

Ci sono anche altre 5 stanze lunghe e strette che venivano utilizzate come magazzini del tempio.

Sul retro si trova il sacro dei santi, con 4 statue: Amon-Re di Tebe, Re-Horachty di Eliopoli, Ramses II e Ptah di Memphis.

Due volte all'anno, il 22 febbraio e il 22 ottobre, i raggi del sole arrivano fino alla parte sacra del tempio, illuminando le quattro statue degli dei e di Ramses II.

Il tempio di Nefertarie

Il tempio che Ramesse II costruì per il suo più grande amore, la moglie Nefertari, si trova 100 metri a sud ed è dedicato alla dea Hathor di Ibshik e allo stesso Nefertari.

Ramses II conosceva Nefertari fin dall'infanzia ed era il grande amore del re. E soprattutto per lei costruì un tempio ad Abu Simbel. Ci sono sei nicchie in cui si trovano le statue del re e della regina, dietro le quali ci sono i loro figli.

Sorprendentemente, le statue del re e della regina sono della stessa dimensione, cosa non comune nell'arte egizia. Tradizionalmente, le statue della regina erano accanto a quella del re, ma non erano mai più alte delle sue ginocchia. Da questa eccezione si evince l'importanza di Nefertari per Ramses II.

Dietro la facciata si trova il tempio, che si trova a 24 metri di profondità nella roccia. Nella prima sala ci sono 6 colonne con capitelli di Hathor e sulle pareti ci sono immagini del re e della regina davanti agli dei.

I rilievi della sala mostrano Ramses II e la distruzione dei suoi nemici. Sui lati nord e sud sono raffigurate scene del re accompagnato dalla moglie che offre un'offerta a Hathor.

La sala colonnata è seguita da un vestibolo da cui si accede attraverso 3 passaggi, dietro il quale si trova il sancta sanctorum dove era raffigurata la dea Hathor sotto forma di mucca.

Successivamente torneremo ad Assuan e pranzeremo lì

Nel pomeriggio visiteremo il giardino botanico e poi il villaggio nubiano dove potrete incontrare gli animali domestici degli abitanti del villaggio, i coccodrilli.

Giorno 3 Kom-Ombo, Edfu, El-Kabb e Esna

Oggi partiremo per Luxor e visiteremo vari templi e tombe lungo il percorso. Verremo a prenderti alle 6 del mattino e riceverai un debox.

Per prima cosa visitiamo il doppio tempio di Kom-Ombo. Questo si trova su un ottimo sperone roccioso sul Nilo. Ed è dedicato al dio coccodrillo Sobek e ad una forma di Horus, vale a dire Haroeris, che è Horus il Vecchio.

La leggenda sul tempio di Kom-Ombo

Il tempio di Kom-Ombo si trova a 50 km a nord di Assuan.Che cosa significa il nome Kom-Ombo, Kom significa montagna, Ombo deriva da Nebo che in nubiano significa oro.
In breve, Kom-Ombo significa la montagna d'oro. In breve, Kom-Ombo significa la montagna d'oro.
Questo tempio è diverso da tutti gli altri templi dell'Egitto, è un tempio doppio e dedicato a due dei. Il dio Sobek dalla testa di coccodrillo e il dio Horus dalla testa di falco, ma nella sua forma più antica con il nome Haroeris.
Devi capire che gli antichi egizi adoravano gli animali sotto forma di dio. Ciò non significa che adorassero gli animali stessi. Hanno solo preso l'immagine dell'animale e l'hanno trasformata in un dio. Ma vediamo perché qui venivano venerati i coccodrilli.
Come ho detto, qui siamo a 50 km a nord della città di Assuan. Assuan si trova sulla prima cataratta, costituita da enormi blocchi di granito che si trovano nel Nilo e formano isole.
Bloccano anche il flusso del Nilo, quindi solo durante la stagione delle piogge l'acqua sale tra i 28 ei 36 metri.
Solo a questo punto i coccodrilli avrebbero potuto continuare a nuotare verso nord. È stato un viaggio lungo e frenetico di 50 km che hanno dovuto affrontare. Via terra non era possibile perché ovunque gli argini erano troppo alti per uscire.
Quando finalmente arrivarono a terra attaccarono tutto ciò che incontravano ed erano stanchi e affamati qualunque cosa capitasse loro. Animali, uccelli e anche persone.
Così le persone che vivevano a Kom-Ombo dovettero inventarsi qualcosa per risolvere questo problema.
Così trasformarono il coccodrillo in un dio di nome Sobek, costruirono un tempio in suo onore e ogni anno gli organizzavano una grande festa.
Facevano molti sacrifici ogni giorno, chiedendo in cambio una vita protetta e la protezione degli altri coccodrilli.
Ma non ne erano contenti perché gli antichi egizi vedevano il coccodrillo come un simbolo di cose cattive, e non è bene che le persone venerino una persona cattiva in un tempio.
Era quindi necessario trovare una soluzione per risolvere il problema.
Presero in prestito dal tempio di Edfu il dio Horus, il vendicatore, e lo portarono a Kom-Ombo. Il suo nome e la sua forma furono leggermente cambiati, ed ecco Horus il Vecchio, per il quale fu costruito anche un tempio da condividere con il pericoloso dio coccodrillo. Gli antichi Egizi diedero a Horus quattro forme, come Horus il vendicatore a Edfu, a Kom-Ombo,
Horus il Vecchio, in Philea Horus il Bambino e in Dendera Horus il Fanciullo.
Il tempo è unico nella sua interezza, in termini reali, a causa del tempo: è fatto con cura e con cura in Haroeris.

Poi ci dirigeremo verso Edfu dove si trova il secondo tempio più grande, il tempio di Karnak. Il tempio è dedicato al dio falco Horus della vendetta. Ed è il tempio meglio conservato della storia egiziana.

Il tempio è dedicato al dio falco Horus della vendetta.

Edfu è considerata una delle città più antiche dell'Egitto. Edfu era la terza provincia nell'antichità e il primo nome era Behedet, poi divenne Etbo e quindi Edfu, che significa"la città della vendetta". Il tempio di Horus si trova sulla riva occidentale del Nilo.

Il tempio è il secondo tempio più grande dell'Egitto dopo il tempio di Karnak, ma è anche uno dei templi meglio conservati. Il tempio è dedicato al dio falco Horus.
Le iscrizioni sono molto importanti e ci forniscono un'enorme quantità di informazioni sulla lingua, i miti e la religione in epoca greco-romana.
Il tempio fu costruito nel periodo greco-romano, proprio come i templi di Dendera, Esna, Kom-Ombo e Philea.
La costruzione è iniziata nel 237 a. AVANTI CRISTO. durante il regno di Tolomeo III e fu terminata nel 57 a.C. AVANTI CRISTO. durante il regno di Tolomeo III e fu terminata nel 57 a.C.
Il tempio è costruito su un tempio più antico e più piccolo, anch'esso dedicato a Horus, ma risalente al Nuovo Regno e costruito da Ramses I, Seti I e Ramses II. Nel corso dei secoli, il tempio è stato sepolto sotto la sabbia a 12 metri di profondità portata dal fiume a causa delle inondazioni.
Scoperto nel 1860 dall'archeologo francese Auguste Mariette, ci sono voluti 43 anni per rimuovere tutta la sabbia.
Il Tempio di Horus è il tempio meglio conservato ed è costruito in pietra arenaria.
Il Tempio di Edfu presenta gli elementi tradizionali di un tempio egizio del Nuovo Regno, insieme ad alcuni elementi greci come il Mamisi che significa "la casa della nascita divina"
Il motivo per cui il tempio fu costruito qui è che qui Horus ottenne la vittoria sullo zio Seth e lo mandò nel deserto.
Il tempio fu costruito per celebrare la vittoria del vendicatore contro il male.

Quello che ci troviamo di fronte è il pilone del tempio, si tratta di due grandi torri e in ognuna di esse si notano due scanalature: si tratta degli alberi delle bandiere, uno per Edfu e uno per il dio Horus.
Quello che c'è tra le due torri, che è una finestra di apparenze. È qui che il re veniva a salutare il popolo quando il popolo veniva qui se c'era una festa. Sotto la finestra delle apparenze si trova un importante rilievo: il disco solare alato di Re. Il culto di Horus il Vendicatore e di Re il grande Perdonatore.
Il pilone raffigura Horus il Vendicatore come un grande guerriero con i prigionieri riportati dalla guerra. Il re li tiene per i capelli in una mano. Ed è pronto a colpirli e a offrirli a Horus e a sua moglie Hathor. Il re indossa la corona bianca dell'Alto Egitto su un lato e la corona rossa del Basso Egitto sull'altra torre. In questo modo conferma di essere re dell'Alto e del Basso Egitto.

Le tombe del governatore El-Kab, queste sono nuove tombe imperiali. Quando sarai presso le tombe di El-Kab guarderai anche le mura dell'antica città di Necheb. Uno dei luoghi più antichi dell'Egitto dove è stata ritrovata la tavolozza del re Narmer, fu il primo re della I dinastia che trasformò i 2 paesi dell'Alto e del Basso Egitto in 1 paese. Fondò anche la nuova capitale Memphis, che significa mura bianche.

Le tombe private di El-Kabb

Queste tombe, che appartengono ai governatori del nuovo regno, si trovano direttamente dall'altra parte della strada rispetto all'antica Necheb (Hierakonpolis).

Si possono visitare quattro tombe: la tomba di Ahmose figlio di Ebana, aveva un'intera biografia scritta sul muro della sua tomba sulla sua vita e sul tempo trascorso nell'esercito.

Era lì quando gli Hyksos, che significa "popolo straniero" che governava l'Egitto durante la XVII dinastia, furono espulsi.

Governatore Paheri

Fu governatore di Nechen durante il regno di Thutmose III.

Ma era anche il nipote di Ahmose, figlio di Ebana EK05 e scriba, nonché sacerdote della dea Nekhbet. E ha supervisionato la costruzione della tomba di suo nonno.

La tomba è lunga 4 metri e larga 3,5 metri, ma purtroppo è gravemente danneggiata. Sulle pareti c'erano preghiere e inni dedicati ad Amon-Re e ad altre divinità.

C'è un'immagine in cui Pahari è seduto con il figlio del re sulle ginocchia.

Sfortunatamente, questa tomba è stata gravemente danneggiata dall'enorme quantità di gravità che ha graffiato le pareti dai visitatori del XVIII e XIX secolo.

Viceré Setau

Fu viceré di Nubia nella seconda metà del regno di Ramses II. E anche il migliore amico di Ramses.

È anche colui che ha costruito il tempio nel Wady-es Seboea e vi ha lasciato un lungo testo biografico. Qui sono state trovate anche 11 sue stele, oggi conservate nel museo del Cairo.

E fece costruire il tempio di Gerf Hussein.

Ahmose figlio di Ebana

Sulla tomba di Ahmose è stata affissa un'intera biografia sulla sua vita e su quando era nell'esercito.

Era lì quando gli Hyksos, uno strano popolo che governò l'Egitto nel Secondo Periodo Intermedio, furono espulsi.

L'autobiografia di Ahmose, figlio di Ebana:

Ahmose servì nell'esercito egiziano sotto i re Ahmose l, Amenhotep l e Thutmose l; la sua autobiografia è sopravvissuta ed è intatta sulla parete della sua tomba, a El-Kab.

Ahmose nacque nella città di Nekheb, l'odierna El-Kab. Durante la guerra per scacciare gli Hyksos dall'Egitto durante il regno di Seqenenre Tao, suo padre si era arruolato in marina, Ahmose iniziò a prestare servizio come soldato sotto il re Ahmose. L'autobiografia di Ahmose, figlio di Ebana: Ahmose ottenne dal re schiavi e altri bottini dopo la sconfitta di Avaris. Ahmose partecipò anche all'assedio triennale di Sharuhen, nel sud di Canaan, per il quale fu ricompensato.

Seguì il suo re in Nubia, dove sedarono tre ribellioni. Sotto Amenhotep, combatté contro i Nubiani e ricevette oro e schiavi per la sua bravura. Durante il regno di Thutmose I, Ahmose prese parte a una campagna navale contro le tribù nubiane nella valle del Nilo e fu nominato ammiraglio. Seguì anche Thutmose I in una campagna contro Naharin fino al fiume Eufrate.

Ebana era il nome della madre di Ahmose (probabilmente una donna molto importante), mentre il nome del padre era Baba.

Paheri, nella tomba di el-kab EK03 è il nipote di Ahmose e uno scriba, e sacerdote della dea Nekhebet ha supervisionato la costruzione della tomba di suo nonno. La foto mostra Ahmose nella sua tomba a El-Kab.

Governatore Renni

Renni fu governatore di El-Kab durante il regno di Amenhotep I all'inizio della XVIII dinastia, oltre ad essere governatore, fu anche sacerdote di Necheb.

Visitiamo infine il tempio di Esna dedicato al dio Chnum, il dio con la testa di ariete.

L'antico nome di Esna è Ta-Senet e il tempio è dedicato a Chnum, il dio creativo spesso raffigurato dietro il tavolo del vasaio. Qui è venerato insieme alla moglie Menheyet, una piccola dea con la testa di leonessa. Ma è dedicato anche ad altri dei come Neith, Satis, Heka e Menheyet. Il tempio fu costruito nel periodo tolemaico/romano ed è uno degli ultimi templi costruiti nell'antico Egitto. Il tempio aveva in origine la stessa pianta dei templi di Edfu e Dendera. Ma tutto ciò che ne rimane è la sala ipostila.

Successivamente, raggiungeremo Luxor e vi trasferiremo in hotel.

Mappa del tour

Reviews

There are no reviews yet.

Mostra le recensioni in tutte le lingue (1)

Be the first to review “3-2 Luxor, Assuan, Abu-Simbel e ritorno a Luxor”

Your email address will not be published.

Rate Your Satisfaction*

A partire da
370.00 380.00
Modulo di prenotazione
Enquiry Form
1
370.00
285.00
Available:
Totale:
1
370.00
285.00
Min - Max (Persone) Prezzo per Adulti Prezzo per Bambini
1 - 1 720.00 360.00
2 - 2 670.00 335.00
3 - 8 570.00 285.00

You May Like